Sveglia

…ma non sveglissima!

Questa storia delle vacanze che volano deve finire…

 

Annunci

Segni

Su, ammettiamolo! Conosciamo tutti persone a cui piace darsi delle arie, persone a cui piace giudicare altre persone, senza neanche conoscerle magari. Persone che, a naso, stimano di essere migliori degli altri per via di questa o quella ragione (non importa neanche quale sia, sono migliori e basta!).

Sono colleghi, conoscenti, parenti… qualche volta abbiamo anche degli amici un po’ saccentelli e tracotanti. Alle volte sono davvero menti brillanti, altre no, ma sono coscienti di avere un tratto della personalità un po’ “ingombrante”. Altre ancora, in un unico discorso riescono a sparare a zero su tutti, rimarcare la loro presunta superiorità in virtù di un titolo di studio conseguito nel Paleolitico e uscirsene con: “Sai, io essendo un segno di terra sono una persona molto pragmatica“.

Applausi!
A due mani!
Ai lati delle guance!
Così alla terra aggiungiamo un altro tipo di segno…

Guazzabuglio – Accaduto per strada #1

Trovo che la superstizione sia una cosa buffa e buffi sono gli episodi che scaturiscono da essa. Immagina questo (realmente accaduto).
Bologna, un tiepido giorno di metà autunno. Fermata dell’autobus, un autobus che non passa neanche lontanamente agli orari indicati dalle tabelle orarie. Accanto a te solo un nonnino che pazientemente aspetta scrutando il traffico cittadino. Motorini che fanno slalom fra le macchine, rari ciclisti che sfidano la sorte su una delle arterie più pericolose della città, un taxi e… un carro funebre col suo mesto carico che si ferma proprio alla tua altezza. La reazione del caro nonnino è immediata: il pollice si chiude su medio e anulare raccolti, nel gesto di fare le corna.
Ora, doveva essere una brutta giornata per gli autisti del carro funebre. Insomma, già il lavoro non deve essere il massimo della gioia, c’era traffico, magari era l’ennesimo trasporto del giorno. Sta di fatto che, quello dei due che stava sul sedile del passeggero, risponde con un altro gesto altrettanto ancestrale, ovvero alzando il dito medio.

Non sto a riportare la sequela di improperi in cui è esploso il dolce nonnino, ormai trasformatosi in un campione di bestemmie, dico solo che ho dovuto affondare la faccia dentro la mia sciarpina per non far vedere che me la stavo ridendo di gusto.

E tu, sei superstizioso? Hai assistito a qualche scena simile? Raccontami tutto nei commenti!