Piccole donne

Sono incappata per caso in questo articolo non proprio recente, pubblicato su Huffington post Italia. Si tratta di una “ricostruzione” di come la scrittrice Louisa May Alcott arrivò a concepire uno dei romanzi di formazione più famosi al mondo ovvero Piccole donne.

Voglio riportare un paio di passaggi e lo faccio principalmente per me stessa, ma consiglio a tutti, donne e uomini (perché no?), di leggere l’articolo intero. Io l’ho trovato carico di significato.

È una donna. Eppure, come fosse una ragazza, non vede il proprio destino davanti a sé. Come fosse una ragazza, sente dentro il cuore un ingestibile senso di rivolta, di inadeguatezza, di vaghezza.

[…]

Lei avrebbe voluto continuare a sognarla, la vita. Come da ragazza, come quand’era piccola. Perché, ora che è cresciuta, non sa proprio come si faccia a viverla.

Annunci

5 pensieri su “Piccole donne

    1. Mi sa che “Piccole Donne” lo abbiamo letto un po’ tutte, in gioventù. Personalmente, ne ho un ricordo molto sfocato perché ormai saranno passati più di 15 anni da quando l’ho letto.

      Ho voluto condividere l’articolo perché trovo molto interessante il percorso che ha portato l’autrice a partorire proprio quell’opera, così come noi la conosciamo. Almeno, in questo periodo della mia vita, mi rispecchio un pochino in lei.

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...