Molto forte, incredibilmente vicino

11 settembre 2001.
Il giorno in cui il mondo occidentale ha perso forza e sicurezza.
Il giorno in cui il protagonista di “Molto forte, incredibilmente vicino”, Oskar Schell, perde l’amatissimo padre e l’innocenza. È da questo traumatico evento che il secondo romanzo di Jonathan Safran Foer prende le mosse.

moltoforte-incredibilmente-vicino coverOskar è un ragazzino sorprendentemente intelligente e fantasioso. Dopo la tragica morte del padre, questa sua fantasia gli serve più che mai, per sfuggire alla cruda realtà e al dolore che lo stritola.
Ma Oskar è anche curioso ed è così che, rovistando nello sgabuzzino del padre mesi dopo la sua scomparsa, trova una chiave dentro una busta con su scritto “Black”. Da quel momento, Oskar consacra la sua vita alla ricerca della serratura che la chiave apre. La ricerca è il pretesto per sentire più vicino il suo papà, per colmare quel vuoto che resterà con lui per tutta la vita e per cercare di ritrovare un briciolo di serenità e felicità.

Non ci si può difendere dalla tristezza senza difendersi dalla felicità.

“Molto forte, incredibilmente vicino” non si esaurisce però nel racconto di questa storia. Il romanzo, infatti, ricuce passato e presente alternando la storia di Oskar con quella dei nonni paterni, sopravvissuti al terribile bombardamento di Dresda avvenuto la notte fra il 13 e il 14 febbraio 1945. A bene vedere, 2 atti di guerra insensati, 2 stragi di civili vergognose, 2 volte in cui l’umanità è morta.

Così facendo Foer rende evidente che c’è un dolore comune a tutte le vittime di guerra e che continuerà a reiterarsi finché non saremo in grado di capire che siamo tutti uguali davanti alla sofferenza. Davanti a tragedie come l’attacco alle Torri Gemelle, agli orrori delle guerre mondiali e agli attacchi terroristici dell’ISIS, c’è un prima e un dopo, difficilissimo, nella vita delle persone che ne sono toccate.

E senza arrivare a tali tragedie, questo romanzo ti ricorda una verità che tutti sappiamo, ma che cerchiamo di ignorare: la vita è dura, ingiusta e confusionaria. La stessa vita, però, ci dà anche quello che ci serve per andare avanti: le occasioni. Non coglierle per paura ti tenta, specialmente quando ti senti insicuro, ma devi farti coraggio e prendere quello che viene perché se non lo fai, quando il vento gira e l’umore cambia, potrai guardare indietro solo con rimpianto.

«Perché credi di essere qui, Oskar?»
«Sono qui, dottor Fein, perché mia madre è turbata dal fatto che trovo la mia vita impossibile.»
«E la cosa non dovrebbe turbarla?»
«Niente affatto. La vita è impossibile.»

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...